IL VALORE DELL’AUTONOMIA DIFFERENZIATA

30 Agosto 2023

Ci sarà finalmente una Legge per il suo riconoscimento alle Regioni?

L’autonomia differenziata è un concetto che negli ultimi anni ha guadagnato sempre più risonanza nel dibattito politico italiano. In questi giorni in particolare si attende da Roma un segno concreto in questa direzione. Si tratta di una forma di autonomia delle Regioni, che consente loro di adottare leggi e normative specifiche, adattate alle esigenze e alle peculiarità del proprio territorio: rappresenta certamente un passo significativo verso una gestione più efficiente e mirata delle risorse. Vi è quindi la necessità di riconoscere le differenze regionali. L’Italia è un paese ricco di diversità, con regioni che presentano caratteristiche peculiari in termini di economia, cultura, tradizioni e risorse naturali. L’adozione di un sistema di autonomia differenziata riconosce e valorizza queste differenze, consentendo alle Regioni di adottare politiche e leggi adatte alle proprie specificità. Ciò significa che una regione del nord potrebbe avere esigenze e priorità diverse da una regione del sud, e l’autonomia differenziata permette di rispondere in modo più efficace a tali diversità. Va da sé, che l’efficienza amministrativa si esprime anche attraverso provvedimenti che si concretano con norme più vicine al cittadino. L’autonomia differenziata offre anche un’opportunità per un’amministrazione più efficiente e vicina ai cittadini. Le decisioni prese a livello regionale sono spesso più attente alle esigenze locali, consentendo una risposta più rapida ed efficace ai problemi specifici di ciascuna area. Ciò contribuisce a ridurre la burocrazia e a migliorare la qualità dei servizi pubblici, in quanto le decisioni sono prese da chi ha una conoscenza più diretta delle realtà locali. Altro cardine importante è, a mio avviso quello della promozione dello sviluppo economico locale. L’autonomia differenziata può rappresentare un importante motore di sviluppo economico caratterizzato dalle specificità di ogni territorio. Consentendo alle regioni di adottare politiche economiche più mirate, si possono incentivare settori specifici in base alle risorse disponibili in ogni zona. Ad esempio, una regione ricca di risorse agricole potrebbe concentrarsi sulla promozione dell’agricoltura, si pensi nel nostro Veneto alla imponente produzione vitivinicola, solo per fare un esempio, mentre una regione con una forte tradizione manifatturiera potrebbe puntare sulla crescita industriale. Ciò favorisce la creazione di posti di lavoro e lo sviluppo sostenibile. Ritengo che in ogni caso il ruolo dello Stato sia fondamentale nella garanzia dell’equità comune. Nonostante l’autonomia differenziata, è fondamentale quindi che lo Stato mantenga un ruolo di garante dell’equità e dei diritti fondamentali su tutto il territorio nazionale. Una legge sull’autonomia differenziata dovrebbe essere progettata con attenzione per evitare disparità e discriminazioni. È necessario stabilire un quadro normativo che assicuri la coerenza e il rispetto dei principi fondamentali, garantendo al contempo alle regioni la flessibilità necessaria per adattarsi alle proprie esigenze. L’approvazione di una legge sull’autonomia differenziata rappresenta una possibilità per l’Italia di evolversi verso un sistema più flessibile, dinamico ed equo, così come previsto peraltro nella nostra Costituzione. Riconoscendo e valorizzando le diversità regionali, si apre la strada a un’amministrazione più efficiente, a uno sviluppo economico locale sostenibile e a una maggiore vicinanza ai cittadini. Tuttavia, è fondamentale che questa autonomia venga bilanciata da una solida cornice normativa nazionale per garantire l’equità e il rispetto dei diritti fondamentali in tutto il paese.

Michele Celeghin

Punto di vista
,